• img-book

    Federico Bianchi Di Castelbianco, Magda Di Renzo,

Sale!
ISBN: 9788874870752
Categoria:

40 anni con i bambini

Abitare i luoghi dell'infanzia e dell'adolescenza

di: Federico Bianchi Di Castelbianco, Magda Di Renzo,

Il presente volume racchiude una scelta di scritti che hanno accompagnato il lavoro clinico di 40 anni svolto presso l’Istituto di Ortofonologia a favore dei bambini, degli adolescenti e delle loro famiglie…

30,00 25,50

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Psicologo, psicoterapeuta dell’età evolutiva, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma, dove è responsabile del Servizio di Diagnosi e Valutazione. Promotore di numerose ricerche sulle psicopatologie dell’età evolutiva e di iniziative per gli adolescenti, tra cui il portale www.diregiovani.it, è autore e coautore di diverse pubblicazioni dedicate all’infanzia e all’adolescenza, tra cui per i tipi delle Edizioni Magi ricordiamo: Vivere bene la scuola (1998), Le 398 meravigliose maestre de L’Aquila (2010), Mille e un modo di diventare adulti (2010), L’eros adolescente (2011), Le dislessie (2013).
Libri di Federico Bianchi Di Castelbianco
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Leggi tutto
Note sugli autori
avatar-author
Psicologa, analista junghiana, membro del CIPA (Centro Italiano di Psicologia Analitica) e dell’IAAP (International Association for Analytical Psychology), direttrice della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia psicodinamica dell’età evo­lutiva dell’IdO (Istituto di Ortofonologia) di Roma. Responsabile del Servizio di Psicoterapia dell’età evolutiva dell’IdO, ha promosso molte ricerche nell’ambito delle patologie infantili e adolescenziali, tra cui il «Pro­getto Tartaruga» per i bambini affetti da autismo. Docente nelle diverse scuole di specializzazione in psicoterapia, è autrice e coautrice di numerose pubblicazioni, tra cui per i tipi delle Edizioni Magi ricordiamo: Il colore vissuto (1998), Fiaba, disegno, gesto e racconto (2a ed. 2005), I significati dell’autismo (2007), Sostenere la relazione genitori-figlio nell’autismo (2011), Le potenzialità intellettive nel bambino autistico (2011), Il processo grafico nel bambino autistico (2013).
Libri di Magda Di Renzo
Aggiungi al carrello
Leggi tutto
Leggi tutto
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Leggi tutto
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Il presente volume racchiude una scelta di scritti che hanno accompagnato il lavoro clinico di 40 anni svolto presso l’Istituto di Ortofonologia a favore dei bambini, degli adolescenti e delle loro famiglie.
Nato come centro che si occupava prevalentemente dei disturbi del linguaggio e della comunicazione, l’IdO, grazie all’impostazione psicopedagogica che lo ha sempre caratterizzato, ha gradualmente ampliato il suo campo d’azione fino ad occuparsi di tutti i disturbi della sfera affettiva riguardanti l’ambito dell’età evolutiva. In questi 40 anni l’équipe si è sempre più arricchita comprendendo, al suo interno, specialisti di vari settori che cooperano tutti alla presa in carico del bambino e dell’adolescente con l’obiettivo di programmare un intervento che non si ponga come risposta sintomatica, ma tenti di restituire alle famiglie un quadro rispettoso dell’individualità di ciascun membro della famiglia.
L’attenzione che abbiamo rivolto, attraverso meticolose ricerche, alle diverse patologie e ai disagi che accompagnano la crescita non hanno mai oscurato, nel nostro approccio, un’attenzione speciale all’individualità del bambino e dell’adolescente e mai un metodo ha preso il sopravvento su una metodologia di intervento rispettosa della complessità dello sviluppo.
La fedeltà ai luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza ha significato, per noi, essere sempre presenti, con lo stesso entusiasmo, alla tradizione psicodinamica che ha fondato il nostro approccio ma anche essere proiettati verso i cambiamenti di cui i giovani sono portatori. Non abbiamo modificato il nostro modo di ascoltare e leggere i problemi ma abbiamo imparato dai bambini e dai ragazzi i nuovi modi attraverso i quali si esprimono i disagi. Abbiamo imparato a usare i loro strumenti di comunicazione per poterli raggiungere là dove stanno inventando il loro futuro (come per esempio negli sportelli di ascolto on-line) ma continuiamo ad essere portatori degli stessi contenuti.
Perché una cultura dell’infanzia deve, a nostro avviso, contemplare una cultura dell’adulto per fare in modo che il passato e il futuro possano convergere in un presente significativo.
Dall’Introduzione