• img-book

    Guido Pesci

Sale!
ISBN: 9788874871209
Categoria:

Prismograph

Metodo pedagogico clinico per educare al segno grafico

di: Guido Pesci

Nel presentare una tecnica del tutto innovativa, e i presupposti teorici che ne stanno alla base, il libro vuole innanzitutto far luce su troppi errori del passato, sia prossimo che remoto.

15,00 13,00

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Psicologo, psicoterapeuta, pedagogista clinico, reflector, giornalista pubblicista, è docente di Pedagogia Speciale all’Università di Siena, direttore scientifico dell’ISFAR (Istituto Superiore Formazione Aggiornamento e Ricerca), membro del Consiglio Direttivo della SIR (Società Internazionale di Reflecting), presidente dell’ANPEC (Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici), del SINPE (Sindacato Nazionale Pedagogisti), direttore della rivista «Pedagogia Clinica-Pedagogisti Clinici» e membro del comitato scientifico della rivista «Nuovi Orizzonti».
Libri di Guido Pesci
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Educromo 2006
Leggi tutto
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Nel presentare una tecnica del tutto innovativa, e i presupposti teorici che ne stanno alla base, il libro vuole innanzitutto far luce su troppi errori del passato, sia prossimo che remoto. Ricchi riferimenti storici indicano come fin da tempi lontanissimi l’uomo si sia impegnato nella ricerca di tecniche per favorire l’apprendimento dell’arte dei segni. Questo non ha impedito, però, che tutt’oggi siano in uso terminologie sbagliate e sgargianti, tecniche d’aiuto per lo meno inopportune nel loro procedere ammaestrante, che inevitabilmente hanno imprigionato la persona sulla sedia, costretta a ripetere all’infinito ciò che ha già fatto ieri e farà ancora domani.
Occorre muovere, invece, dalla disgrafia al disgrafico, alimentando processi sempre più idonei a una vera prestazione di aiuto.
Il metodo Prismograph vuole rivolgere le attenzioni alla persona che presiede al disordine grafico e che presenta difficoltà nella produzione e nella comunicazione segnica, con l’intento di fornire nuove opportunità per avviarla a realizzare un grafismo in cui il fraseggio plastico dei gesti possa riferire le ricche trame dell’universo comunicativo.