• img-book

    Nicole Fabre

Sale!
ISBN: 9788874871100

L’immaginario in azione nella psicoterapia infantile

di: Nicole Fabre

Con l’ausilio di numerosi casi clinici, l’autrice espone le modalità di lavoro psicoterapeutico e psicoanalitico che nascono dall’evidenza della potenza dell’immaginario e delle sue influenze.

14,00 12,00

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Psicoanalista e psicoterapeuta dell’infanzia e dell’adolescenza, fondatrice del GIREP (Groupe International du Rêve Éveillé en Psychanalyse), da molti anni è impegnata in corsi di formazione rivolti a genitori ed educatori. Autrice di numerosi libri di psicoanalisi e di psicopedagogia, tra cui per i tipi delle nostre edizioni ricordiamo I discorsi dei grandi nelle orecchie dei bambini, A me non piace separarmi, Allo specchio dei sogni, L’immaginario in azione nella psicoterapia infantile.
Libri di Nicole Fabre
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Quali procedimenti vengono attivati quando, in una psicoterapia, entra in azione l’immaginario? Cosa succede quando il terapeuta fa appello all’immaginario e ne favorisce l’emergere e il dispiegarsi? Con l’ausilio di numerosi casi clinici, l’autrice espone le modalità di lavoro psicoterapeutico e psicoanalitico che nascono dall’evidenza della potenza dell’immaginario e delle sue influenze. Nicole Fabre, dopo aver apportato un grande contributo al metodo del sogno da svegli di Désoille applicandolo ai trattamenti dell’età evolutiva, proprio alla pratica e all’esperienza delle terapie che lo utilizzano dedica il presente volume. L’autrice, tramite la narrazione «a tutto tondo» che la caratterizza così fortemente, descrive come l’analisi con il sogno da svegli, adeguandosi al bambino, mette in atto determinate modalità indispensabili per incontrare il bambino nei suoi luoghi e con il linguaggio che gli è proprio. Attraverso gli sviluppi e gli aspetti teorici di questo approccio il lettore incontra il bambino immaginario nel bambino reale, il bambino nell’adulto e, in un senso più generale, quanto dell’inconscio si può rappresentare, conoscere e sviluppare grazie all’immaginario.