• img-book

    Paola Binetti, Flavia Ferrazzoli, Caterina Flora,

Sale!
ISBN: 9788886801447

Ho paura

Che cosa spaventa i bambini: un modo per conoscere e capire le loro paure

di: Paola Binetti, Flavia Ferrazzoli, Caterina Flora,

Questo volume è il resoconto di un’indagine sulle paure dei bambini, sul loro modo di viverle e/o affrontarle e costituisce una riflessione sui comportamenti e le strategie educative e terapeutiche che si possono mettere in atto per fronteggiarle e lenirle.

19,62 17,00

Esaurito

Note sugli autori
avatar-author
Neuropsichiatra infantile, psicoterapeuta, è stata tra i fondatori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, dove ha svolto il ruolo di Direttore del Centro di Educazione Medica. Ha contribuito a introdurre nel piano di studi delle Facoltà di Medicina e Chirurgia discipline come la storia e la filosofia della medicina, la bioetica e le medical humanities, per garantire l’effettiva centralità della persona nei processi di diagnosi e cura. Deputato parlamentare, è impegnata nella tutela dei diritti dei bambini, in particolare quando la loro fragilità richiede specifiche forme di sostegno per un pieno sviluppo delle loro competenze sul piano cognitivo e relazionale. è presidente da diversi anni dell’intergruppo parlamentare sulle malattie rare; ha presentato un centinaio di disegni di legge, molti dei quali volti a potenziare le politiche per la famiglia, come il Family Act e quello in cui si chiede di istituire una Authority per la famiglia; come relatore ha seguito la legge sulle cure palliative, sviluppando tutta la parte che si riferisce ai bambini, e la legge sull’autismo. Membro di numerose istituzioni scientifiche italiane e internazionali, è autrice di molte pubblicazioni tra cui ricordiamo i volumi: Una storia tormentata. Il desiderio di maternità e di paternità nelle coppie sterili (2006), La famiglia tra tradizione e innovazione (2009), Il consenso informato. Relazione di cura tra umanizzazione della medicina e nuove tecnologie (2010).
Libri di Paola Binetti
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Per saperne di più
Ho paura 1999
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Note sugli autori
avatar-author
Psicologa e psicoterapeuta familiare, svolge presso l’IdO l’attività di sostegno alle coppie genitoriali ed è coordinatrice del gruppo di psicoterapeute impegnate negli sportelli d’ascolto e nell’attività di prevenzione del disagio presso le scuole medie e superiori.
Libri di Flavia Ferrazzoli
Per saperne di più
Ho paura 1999
Aggiungi al carrello
Note sugli autori
avatar-author
Psicologa, psicoterapeuta con orientamento in analisi transazionale. È tutore clinico presso l'Università «Campus Bio-Medico», dove svolge compiti didattici nel corso di Psicologia. Svolge attività clinica prevalentemente nell'area della Psicologia clinica e collabora al Servizio di Psichiatria di consultazione.
Libri di Caterina Flora
Per saperne di più
Ho paura 1999
Quarta di copertina

«Un bambino senza paure», dicono le autrici, «è un bambino che ha soffocato il proprio senso dell’avventura» e con questa considerazione invitano l’adulto a una disposizione d’animo più aperta nei confronti delle paure dei bambini che troppo spesso vengono ignorate, sminuite o addirittura ridicolizzate. Questo volume è il resoconto di un’indagine sulle paure dei bambini, sul loro modo di viverle e/o affrontarle e costituisce una riflessione sui comportamenti e le strategie educative e terapeutiche che si possono mettere in atto per fronteggiarle e lenirle. I racconti dei bambini scaturiti dalle immagini-stimolo diventano un’avventura scientifica quando gli adulti che li ascoltano, come le autrici di questo libro, sanno integrare gli aspetti formali, i significati e i contenuti emotivi proposti dai bambini all’interno di una cornice teorica, affrontando il problema con una prospettiva a grande angolo e con un approccio integrato che colloca la paura al centro di una interessante riflessione. Perché la paura, sottolineano le autrici, non risiede tanto nell’intensità della situazione di pericolo quanto nel sentirsi solo ad affrontarla e questo pone la relazione con l’adulto al centro di qualunque valutazione pedagogica e psicologica al riguardo.