• img-book

    Marco Alessandrini

Sale!
ISBN: 9788888232966

Ripensare la schizofrenia

Delirio, sogno, psicosi: ripartire da Philippe Chaslin

di: Marco Alessandrini

Ripensare la schizofrenia, più che un libro, è un’esperienza che si immerge nel già noto per svelarne l’innovatività e l’attuale, esplorando con profonda leggerezza non solo i vissuti psicotici, ma i territori del sogno e del delirio, della sensorialità e del linguaggio, degli stati confusionali e dell’identità, alla ricerca delle determinanti emotive che sottendono ogni mente.

12,00 10,50

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Psichiatra, psicoterapeuta, esercita come psicoanalista. Responsabile dell’Unità per i Trattamenti Integrati presso il Centro di Salute Mentale della ASL di Chieti, insegna come professore a contratto presso l’Università di Chieti, sia nella Scuola di Specializzazione in Psichiatria della Facoltà di Medicina, sia nella Laurea Magistrale della Facoltà di Psicologia. È co-fondatore e direttore scientifico della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Psicodinamica Breve (autorizzata dal MIUR).Si dedica da tempo al trattamento psicoterapeutico delle patologie più gravi e ai processi di creatività artistica nei pazienti psichiatrici, con una specializzazione in Arte Terapia plastico-figurativa di impostazione psicoanalitica. Traduttore e curatore di volumi di psicoanalisi e di psichiatria (J.-D. Nasio, M. Levi Bianchini, I. Hollòs, J. Garrabé, H. Grivois, C.G. Jung). Direttore della collana «Psicopatologia ieri e oggi», ha tradotto e curato anche un breve scritto del poeta e pittore Henri Michaux, oltre a scritti di Edvard Munch, Joan Mirò, Dante Gabriel Rossetti, William Blake. È curatore delle riedizioni della versione di Massimo Bontempelli del Libro di Giobbe e de Le chiavi nel pozzo di Lorenzo Viani. È autore di numerosi testi tra cui, per i tipi delle Edizioni Magi, i volumi: Presente assenza (2000), Tra teatro e follia (2001), Eco a me stesso (2002), Immagini della follia (2002), Vedere il sosia (2003), Ripensare la schizofrenia (2004), Un treno per le stelle (2006).
Libri di Marco Alessandrini
Per saperne di più
Aggiungi al carrello
Per saperne di più
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Che la metafora, la musica, la poesia o l’arte figurativa possano illuminare in forma nuova non solo le esperienze limite della schizofrenia, ma l’intero sentire umano, è un’avventura che tocca nel profondo solo quando è un vivo sviluppo della realtà clinica. Traendo spunto da scritti di Philippe Chaslin, il dimenticato alieniste che nel 1912, indipendentemente da Bleuler, “scoprì” le schizofrenie denominandole però, per suo conto, “follie discordanti”, ecco allora quattro saggi, più uno introduttivo, che allacciano la psicopatologia fenomenologica alla psicoanalisi, lungo il filo di incessanti suggestioni che procedono dai romanzi di Musil alla musica di Schönberg, dai dipinti di Kandinskij a richiami filosofici o scientifici. Ripensare la schizofrenia, più che un libro, è un’esperienza che si immerge nel già noto per svelarne l’innovatività e l’attuale, esplorando con profonda leggerezza non solo i vissuti psicotici, ma i territori del sogno e del delirio, della sensorialità e del linguaggio, degli stati confusionali e dell’identità, alla ricerca delle determinanti emotive che sottendono ogni mente.