• img-book

    Maria Luisa Ferrea, Jeanne Rossi Lecerf,

Sale!
ISBN: 9788874872442
Categoria:

La scrittura parla

Conoscersi con la grafologia

di: Maria Luisa Ferrea, Jeanne Rossi Lecerf,

Questo libro si differenzia dall’impostazione usuale dei manuali di grafologia – in genere riservati a un pubblico di «addetti ai lavori» – perché avvicina il lettore alla scrittura partendo da un approccio di tipo visuale. Sfidando e stimolando la sua capacità percettivo-visiva, le autrici introducono il lettore alla comprensione dei segreti del gesto grafico attraverso il confronto con le immagini dell’arte figurativa.

18,00 15,50

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Laureata in architettura, è grafologa diplomata all’Università LUMSA di Roma. Autrice del volume Segni come disegni. Un approccio alla grafologia attraverso le immagini dell’arte (Edizioni Magi, 2004). Vive a Roma.
Libri di Maria Luisa Ferrea
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Note sugli autori
avatar-author
Vive e lavora a Roma da più di cinquant’anni. Di formazione socio-assistenziale, psicologica e grafologica, svolge attività professionale e didattica in questi settori in Francia, Germania e Italia. Nel 1980 fonda a Roma l’Associazione Italo-Francese di Grafologia (AGIF). È autrice del libro Grafologia. Scrittura e personalità (ed. Seda, 1979) e di Topini d’amore della collezione di madame (Edizioni Scientifiche Italiane, 1998). È di prossima pubblicazione un suo manuale di grafologia in Brasile. Nel 1993 incontra Antonio Vangelli. Il loro rapporto affettivo durerà fino alla morte del pittore avvenuta nel 2003. Alla sua memoria è dedicato questo libro.
Libri di Jeanne Rossi Lecerf
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Il grafismo parla direttamente a colui che lo osserva,
non diversamente da un sorriso o dalla forma di una mano

Ania Teillard

Questo libro si differenzia dall’impostazione usuale dei manuali di grafologia – in genere riservati a un pubblico di «addetti ai lavori» – perché avvicina il lettore alla scrittura partendo da un approccio di tipo visuale.
Sfidando e stimolando la sua capacità percettivo-visiva, le autrici introducono il lettore alla comprensione dei segreti del gesto grafico attraverso il confronto con le immagini dell’arte figurativa.
Osservare il tracciato grafico seguendolo con gli «occhi», ripercorrere il movimento da cui è scaturito il segno, senza curarsi del contenuto della scrittura, si rivelano azioni compiute già mille altre volte, mentre si guardava un disegno, una scultura, una qualsiasi opera d’arte. Diventa allora evidente che il gesto grafico, in quanto gesto espressivo, contiene emozioni, stati d’animo, sensazioni e sentimenti proprio come qualsiasi altra forma d’espressione umana.
Attraverso l’analisi di un rilevante numero di scritture presenti nel libro, il lettore potrà trarre preziosi spunti per una migliore conoscenza della propria e altrui personalità, nonché acquisire informazioni sui principi di metodo che soggiacciono al lavoro interpretativo del grafologo.
E rimarrà, infine, stupito di possedere, senza saperlo, un buon «occhio» grafologico e di superare brillantemente le prove di abilità incluse nel testo.
Sia chi si accosta per la prima volta alla grafologia, sia chi, avendo già conoscenze in materia, desidera approfondirne la dimensione pratico-applicativa troverà questo approccio particolarmente stimolante.