• img-book

    Geni Valle

Sale!
ISBN: 9788874873005

Aranciata amara

di: Geni Valle

«L’aranciata amara non è un’aranciata qualsiasi. Me lo ha insegnato mia madre, una domenica umida e dedicata a lei. Mia madre la beveva con sapienza, lentamente, aspirandola con una cannuccia colorata che ne mitigava l’effervescenza fino a renderla sopportabile…

12,00 10,50

Copie:
Note sugli autori
avatar-author
Sono una vagabonda sedentaria. Viaggio incessantemente… nei pensieri di chi mi sceglie come compagna di percorsi interiori. Neuropsichiatra infantile e Psicoanalista Didatta, sono Membro dell’Associazione Italiana di Psicoanalisi.Cercando leggerezza, percorro la vita con l’innocente mania dei viaggiatori: raccontare le proprie avventure. Le psicastrocche (Edizioni Magi, 2004), da usarsi come amuleto contro la «seriosità» che minaccia pazienti e analisti, sono appunti di giocose escursioni nei sentieri della psiche. In Segni e sogni di una notte di mezza età (Edizioni Magi, 2006) ho disegnato una mappa del paese di Mezzetà. Il mio cammino è profumato dagli affetti. A mio figlio sono grata per gli odori speciali della maternità, offerti in Odorabili figli (Edizioni Magi, 2008) a tutti i genitori che vorranno annusarli ritrovando o scoprendo gli odori della loro storia. Aranciata amara racconta una scalata inevitabile, a corpo libero. Plasmando le mie forme alle forme della roccia ne uso le asperità. Senza stringere le dita, cerco una presa efficace e delicata, per avanzare lieve nell’unica direzione tracciata dalla vita. Mi rincuorano la bellezza dei paesaggi attraversati e lo splendore di nuovi panorami. Vivo e lavoro a Roma. Le mie radici affondano in scanzonato terriccio toscano.
Libri di Geni Valle
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Aggiungi al carrello
Quarta di copertina

Adesso che facciamo me lo dici?
Come scaldiamo i fusti e le radici
dal gelo che è arrivato fino al cuore,
da questa neve che non ha colore?
Sei fuggita da questo inverno iroso
in un letargo troppo doloroso:
lo so che non ti svegli in primavera…
«L’aranciata amara non è un’aranciata qualsiasi. Me lo ha insegnato mia madre, una domenica umida e dedicata a lei.
Mia madre la beveva con sapienza, lentamente, aspirandola con una cannuccia colorata che ne mitigava l’effervescenza fino a renderla sopportabile, come bevesse l’amarezza della vita in cambio di un retrogusto dolce, ma non troppo: “giusto”, direbbe lei».
Nel silenzio della madre per sempre addormentata, si leva la voce della figlia a riportare in vita asperità e dolcezze, tempeste e bonacce, momenti teneri o tragici della loro storia.
Si compone un’esplorazione personale, eppure universale, in cui ogni lettore può trovare una parte di sé e delle proprie esperienze di perdita. Il viaggio si compie con mezzi diversi: la prosa di apertura lascia spazio alla poesia, alla ritmica di emozioni affidate a parole leggere, capaci di condurci senza cupezza attraverso i paesaggi più estremi.
Pietà e spietatezza si rincorrono nei versi dell’Autrice, nell’incessante andirivieni tra la verità dei sentimenti del presente e del passato, fino a raggiungere la consolazione della gratitudine, fino a ritrovare la sorgente del senso di continuità della propria esistenza.
«Adesso tocca a me bere l’aranciata amara della nostra storia e del mio lutto, lentamente, finché svuotata la mia lattina mi resti soltanto un retrogusto dolce. Mia madre sarebbe contenta. Le sono grata per avermi insegnato tante cose importanti e per avermi mostrato, sia pure involontariamente, che la morte è solo un gran sonno. L’ho capito con tutti i miei sensi, vedendola per sempre addormentata».