• img-book

    Emma Rossi

Sale!
ISBN: 9788888232515

Un nido per volare

L'accoglienza in società del bambino in età da 0 a 3 anni

di: Emma Rossi

Il libro si pone l’obiettivo di fornire agli operatori degli asili nido, educatori, pedagogisti, ecc., proposte e metodologie di lavoro per costituire asili nido funzionali dove si favorisca l’inserimento sociale, la crescita relazionale e dove i bambini siano stimolati all’esperienza e allo star bene.

13,00 11,50

Esaurito

Note sugli autori
avatar-author
Scomparsa nel 2003, psicologa e psicoterapeuta della famiglia, era cittadina sammarinese. Dirigeva il Servizio minori della Repubblica di San Marino e si occupava dei servizi della prima infanzia e dell’integrazione di soggetti con disagio relazionale. Autrice di un saggio sulle problematiche inerenti l’inserimento sociale, La prova del fare, e di un romanzo sulla condizione femminile, Pensione paradiso.
Libri di Emma Rossi
Aggiungi al carrello
Leggi tutto
Quarta di copertina

Se ci sono una mamma e un papà impegnati nel lavoro, se la casa è grande ma spesso vuota, allora ci dovrà pur essere un posto dove si raccontano storie, dove ci si può arrampicare, correre, giocare e imparare, dove i genitori possono condividere una parte dei loro compiti, dove l’«uccellino di casa» trovi il suo rifugio e tutto quello che gli serve in attesa di diventare un bel «cigno dalle grandi ali». Ci deve pur essere insomma «un nido per volare!». Di fronte a questa immagine, propria dei nostri giorni frenetici, il libro si pone l’obiettivo di fornire agli operatori degli asili nido, educatori, pedagogisti, ecc., proposte e metodologie di lavoro per costituire asili nido funzionali dove si favorisca l’inserimento sociale, la crescita relazionale e dove i bambini siano stimolati all’esperienza e allo star bene. Gli stessi genitori, che si trovano di fronte al dilemma o alla necessità di mandare il «piccolo» all’asilo nido, trovano in queste pagine indicazioni utili sull’organizzazione interna e sulle attività quotidiane dei nidi d’infanzia e su come loro stessi possono partecipare a queste attività, «non abbandonando» il proprio figlio, ma aiutandolo a crescere.