• img-book

    Daniele Biondo, Rita Di Iorio,

Sale!
ISBN: 9788874870035
Categoria:

Sopravvivere alle emergenze

Gestire i sentimenti negativi legati alle catastrofi ambientali e civili

di: Daniele Biondo, Rita Di Iorio,

Il libro offre una visione globale della psicologia dell’emergenza e approfondisce il rapporto fra l’uomo e l’ambiente, le tecniche di preparazione ai rischi ambientali della popolazione e le metodologie di formazione degli operatori della protezione civile alla gestione dei sentimenti legati alle catastrofi.

16,00 14,00

Esaurito

Note sugli autori
avatar-author
Psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana (SPI), socio ordinario e didatta dell’Associazione Romana di Psicoterapia dell’Adolescenza (A.R.P.Ad.), psicologo dell’emergenza. Vice presidente del «Centro Alfredo Rampi onlus». Autore di diversi saggi tra cui Educazione stradale e rischio accettabile (2006) e Fare gruppo con gli adolescenti (2008).
Libri di Daniele Biondo
Per saperne di più
Per saperne di più
Note sugli autori
avatar-author
Psicoterapeuta a indirizzo psicoanalitico, specialista in medicina psicosomatica e psicologia delle emergenze ambientali e difesa civile. Segretario nazionale del «Centro Alfredo Rampi onlus», presidente dell’Associazione Psicologi delle Emergenze Alfredo Rampi, consulente per la formazione delle emergenze ambientali e civili. Autrice e coautrice di diverse pubblicazioni; tra cui Sopravvivere alle emergenze (2009). Membro del comitato direttivo della rivista www.conoscoimparoprevengo.it.
Libri di Rita Di Iorio
Per saperne di più
Per saperne di più
Quarta di copertina

Il libro offre una visione globale della psicologia dell’emergenza e approfondisce il rapporto fra l’uomo e l’ambiente, le tecniche di preparazione ai rischi ambientali della popolazione e le metodologie di formazione degli operatori della protezione civile alla gestione dei sentimenti legati alle catastrofi. Gli autori presentano una metodologia formativa, ampiamente sperimentata presso il «Centro Alfredo Rampi», denominata «modello psicodinamico multiplo per le emergenze». Tale modello utilizza gli studi psicoanalitici per affrontare le tematiche legate al trauma delle vittime e i sentimenti negativi associati; l’orientamento psicodinamico per fare ricerca nel campo della percezione del rischio; gli studi psicosociali per esplorare la dimensione pubblica della mente al fine di rendere gli individui consapevoli della dimensione sociale del rischio. Integra, inoltre, l’orientamento psicodinamico con quello pedagogico per la realizzazione di interventi educativi e formativi.