Collane
homepage chi siamo contattaci norme per gli autori copia saggio librerie amiche offerte speciali ultime copie
 
Immagini dall'inconscioIl bestiario psicologicoLecturaeParole d’altro genereForma mentisPsiche e TraumaPsicologia ClinicaMedicina transculturalePsicologia InfantileProfessione GenitorePsicopatologia ieri e oggiEsperienzeMagi FormazioneMagi EducazioneItinerari di ricerca educativaPsicologia e PsicomotricitàEducazione e RieducazioneReflectingPedagogia ClinicaI bambini raccontanoNuovi AutoriRivisteAeP
Adolescenza e Psicoanalisi
KOINOS.
Gruppo e Funzione Analitica - Nuova serie
 
L’orso e i suoi simbolipreview

Daniele Ribola

L’orso e i suoi simboli

PREZZO: 18,00
PREZZO SCONTATO: 15,50
PAGINE: 148
FORMATO: 13x21
ISBN: 9788874873050
ANNO: 2013
DISPONIBILITÀ: Si
In quel villaggio, nelle prime tiepide e nebbiose notti di primavera, si vedono sempre gli spiriti di due orsi, uno che cammina su quattro zampe, l’altro su due.
da una fiaba Cherokee


Gli antichi credevano che l’orso uscisse dal suo letargo dopo aver compiuto un lungo viaggio nel paese degli spiriti, facendo scorta di tutte le energie cosmiche possedute dalle anime dei morti. E che al suo risveglio emettesse un enorme peto liberatore, ridistribuendo così le energie dell’aldilà nel mondo degli umani. In questo modo per un istante i due mondi erano in contatto.
Il rapporto che l’uomo intrattiene con gli animali dipende essenzialmente dal livello dello sviluppo della coscienza. Questa affermazione non significa necessariamente qualcosa di positivo in quanto l’acquisizione di coscienza può anche equivalere alla perdita di qualcosa di importante sul piano psichico e relazionale.
L’orso, per la sua particolare somiglianza con l’uomo, e forse anche per un’antichissima competizione sui luoghi dove trovare riparo, ha subito un rapporto di amore e odio, fondamentalmente un rapporto proiettivo tale da generare una vera e propria persecuzione che si è prolungata per millenni.
Le più incredibili proiezioni umane si agganciano a ogni particolare dell’orso. Dalla coda corta al sonno invernale, da pelo folto al modo di grattarsi il dorso contro gli alberi, dalla golosità alle dimensioni dei piccoli, dalla incontenibile foga sessuale alla madre che lecca e nutre i piccoli, tutto è dotato di poteri magici e tutto diventa proverbio e leggenda.


Daniele Ribola, psicoanalista, vive e lavora a Lugano. Co-fondatore della Scuola di psicoterapia a orientamento junghiano LISTA di Milano, componente del direttivo, docente e conduttore di gruppi di supervisione clinica. Analista didatta al C.G. Jung Institut di Zurigo, dove si è formato con D. Baumann e M.-L. von Franz, è membro dell’Associazione Svizzera di Psicologia Analitica, dell’International Association for Analytical Psychology e dei Graduates Analysts of the C.G Jung Institut. Svolge ricerche sulla psicologia dell’arte e del gesto creativo. Co-fondatore della rivista «La pratica analitica», è autore di saggi inerenti il pensiero junghiano, tra cui la prefazione al libro di M.-L. von Franz, Tipologia psicologica (1998) e gli scritti contenuti nei volumi: In dialogo con l’inconscio. Ricchezza e profondità del pensiero di C.G. Jung a 50 anni dalla sua morte (2011) e Quattro saggi sulla proiezione. Riverberi del Sé nella coscienza (2013) – entrambi con F. de Luca Comandini, R.M. Mercurio e C. Widmann –, Io amo un’ombra del mio cuore (con M. Piatti e A. Pianarosa, 2012), Sguardo sulle psicodinamiche del gesto creativo. Giacometti: la distanza incolmabile (con I. Paterlini, 2013).
« Indietro
     
     
web engineering | kaoma       powered | b-editor